Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

Serravalle e dintorni...

POLITICA LOCALE

POLITICA LOCALE

GRANDE SUCCESSO NELLE DUE INIZIATIVE DEL 24 E DEL 28 APRILE

Di Marco Marchesini

Il grande successo ottenuto nelle due iniziative programmate nell’ ambito della campagna elettorale, danno il segno di un progressivo e costante avvicinamento del consenso verso il candidato sindaco Eric Zaghini. Nella serata del 24, è stata ufficializzata la lista dei candidati consiglieri. E’ immediatamente apparsa la qualità e lo spessore di ogni candidato: chi nell’ associazionismo, chi nella cultura, chi nell’ ambito del lavoro pubblico e privato, chi nel mondo dell’ agricoltura e chi nel mondo delle attività produttive. In sostanza, da un confronto con la lista avversaria, pur nel rispetto personale di chi la compone, sono chiare ed immediate le differenze, e le migliori qualità appaiono propendere verso la formazione capeggiata da Zaghini. Il candidato sindaco ha intrattenuto gli intervenuti con un lungo discorso di enunciazione del programma di governo, che è sembrato chiaro e realizzabile. Centocinquanta circa i seduti a tavola, a valle di moltissime richieste alle quali non si è potuto rispondere positivamente per mancanza di spazio. In diverse occasioni Eric ha voluto porre l’attenzione sul diniego del candidato avversario ad un confronto diretto, quasi questo fosse ritenuto un tema pericoloso. A Stefano Grillanda vorrei ricordare che non esiste modo migliore per dare condizione di valutazione a chi andrà ad esprimersi nelle urne, che non sia un confronto faccia a faccia. E vorrei ricordare che, in fondo, nessuno lo vuole denigrare qualora apparisse non all’ altezza. Ma il negare questa opportunità ai cittadini, non è caratteristica consona a chi li vuole rappresentare. Il fuggire il confronto è un chiaro segno di debolezza, e di paura. Quindi, caro Stefano, fatti coraggio: in fondo pretendi di rappresentare il comune di Berra e se credi di averne le capacità, qualora dovessi confrontarti con qualche politico di spessore, cosa intendi fare? Fuggire nuovamente?

Altra occasione in cui si sono potute valutare la qualità del candidato sindaco della lista Sviluppo e Solidarietà, è stata quella organizzata il 28 aprile. L’ intervento del Presidente della regione Emilia Romagna ha creato i presupposti per un approfondimento dei temi che coinvolgono i comuni nei rapporti con le regioni(Vasco Errani è presidente dell’ assemblea Stato-Regioni) ed in particolare per i comuni emiliano - romagnoli con dimensioni sopra i 5000 abitanti, strozzati del patto di stabilità. Le varie proposte avanzate dallo stesso Errani al Presidente del Consiglio, sembrano aver trovato applicazione solamente nel Comune di Roma: al sindaco Alemanno (PDL) è stato concesso di poter spendere in deroga al già citato patto di stabilità fin che gli pare.

Oltre duecento gli intervenuti in un teatro che ha potuto ospitare, oltretutto, personalità di primo livello provinciale e regionale. Oltre allo stesso Errani erano presenti: il Consigliere Regionale Montanari, il Sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia Romagna Bertelli, l’ assessore alle attività produttive della Provincia di Ferrara Carrara, il candidato sindaco di Copparo Rossi, il segretario provinciale del PD Calvano, il sindaco di Berra Capisani, il sindaco di Ro Parisini e tanti ancora. Fra le iniziative che si intendono adottare da qua a giugno, spicca quella del porta a porta: il candidato sindaco suonerà e chiederà di entrare in tutte le case del comune, così da rendersi diretto portavoce di tutte le istanze dei cittadini.

 

2.5.09