Serravalle e dintorni...

LUIGI CALABRESE: PER CHIARIRE MEGLIO
- A PROPOSITO DI CANI -

 

 


Luigi Calabrese

Scusatemi se commento questa "notizia in sintesi" sul dibattito tenuto ieri sera in consiglio comunale a Berra. Lo faccio perchè credo non sia stato compreso il senso dell'intervento del mio collega consigliere Stefano Bigoni". Tenterò di fare chiarezza su questo, visto che la sintetizzazione grossolana sul dibattito vuole fare passare il mio collega come un carnefice di animali...

Ieri sera (17.12.14) in consiglio Stefano Bigoni ha voluto mettere in evidenza come le spese complessive (si parlava di 30 000 euro all'anno) per la gestione del randagismo a carico della collettività siano significativamente alte. Come saprete tutti, quest'anno il consiglio comunale di Berra ha deliberato un aumento delle tasse di pertinenza del comune per raggiungere il pareggio di bilancio (che altrimenti non si sarebbe potuto raggiungere anche in forza dei tagli degli stanziamenti ai comuni da parte del governo centrale). L'intervento di Stefano tentava di evidenziare che se l'andamento degli introiti del comune continuerà a diminuire negli anni bisognerà operare delle scelte (difficili ma probabilmente necessarie) sui tagli ad alcuni servizi in favore di altri in quanto in caso contrario le tasse continueranno ad aumentare progressivamente (e può darsi che non tutti i compaesani si troveranno nelle condizioni economiche di poterle sostenere vista anche la mancanza di lavoro e l'alto tasso di disoccupazione nel nostro paese).

Pensare quindi prima a bambini, anziani e disabili queste sono le vere priorità. Insomma l'essere umano prima di tutto, poi gli animali. In consiglio comunale ci è stato detto con tono forse ironico che l'Italia è un paese civilizzato e non un paese barbaro... io rispondo che a me piacerebbe che fosse così, ma credo che in realtà non lo è del tutto. Quando vedo e sento al telegiornale di persone che si tolgono la vita perchè non riescono più a pagare il fisco italiano io capisco che il mio paese non è poi così civile come sembra,

Ci si scandalizza tanto per l'intervento del "carnefice" Bigoni ma ci si dimentica che in tante altre situazioni l'uomo ha la priorità rispetto agli animali. Le case farmaceutiche, ad esempio, per progredire in campo scientifico devono sperimentare sugli animali per poter salvare vite umane. Per ragioni di pubblica sicurezza, mi dicono, e cercherò di informarmi su questo, nel nostro territorio è "legalmente" permesso sopprimere nutrie e volpi (forse perchè sono animali di serie C....?). Non dimentichiamoci poi che nei paesi del terzo mondo ci sono ancora adesso persone che muoiono per fame... allora di che civiltà stiamo parlando? Scusatemi se mi sono dilungato sul'argomento ma io credo che questo sia un tema non semplice e che tocca la sensibilità personale di ognuno di noi, ed io ho espresso solamente il mio punto di vista.

Cons.comunale UNITI PER BERRA CALABRESE LUIGI


18.12.14                               Contatore visite