Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

Serravalle e dintorni...

LEONARDO PEVERATI - LE BIOGAS NON SONO IL MALE ASSOLUTO
- Rispondo a Grandi "TRIBUNO DEL POPOLO" -

 

Raramente intervengo, pubblicamente, nel dibattito politico su giornali e altri mezzi di comunicazione; non posso tuttavia tacere dopo aver letto l’articolo di Simone Grandi del 22 giugno scorso.

Chi mi conosce sa del mio assoluto sostegno per le cosiddette "energie alternative" come fotovoltaico, biogas, turbogas ed altre conosciute e di altre ancora che, tutti sanno, potrebbero essere a nostra disposizione se solo avessimo la volontà di sostenerne la ricerca.

Sono necessarie, assolutamente auspicabili in una società come la nostra. Rappresentano risparmio dei costi energetici a favore dell’economia e conseguentemente delle nostre famiglie.

L’Italia, come spesso accade, è in ritardo: acquistiamo da altri energia a caro prezzo, cosa non solo deleteria, ma a volte mortale per una società industrializzata.

Di fronte a tutto questo, moralisti da strapazzo e falsi ambientalisti, per fini non molto chiari, intralciano su tutto il territorio nazionale quello che in altri paesi è stato acquisito da decenni.

La battaglia politica che Grandi ha intrapreso nel nostro comune contro la costruzione di due "centrali biogas", va in questa direzione.

Ad essere buoni è una battaglia di retroguardia che nasconde sicuramente altri fini, forse in cerca di visibilità per avventure politiche future, o forse per altro ancora che non mi riguarda.

La politica in questi casi ha un solo compito, far rispettare le regole. Gli impianti devono essere sicuri, rispettando gli standard dettati dalla legge, con particolare riferimento alla questione dell’inquinamento ambientale.

Grandi ha presentato un documento in Consiglio Comunale ridicolo:

  • Chiedeva di impegnare il Sindaco ad opporsi nelle sedi competenti alla costruzione delle biogas, quando sa perfettamente che per la costruzione di questi tipi di centrali, per le loro dimensioni, non c’è bisogno di alcuna autorizzazione dell’ente pubblico.
  • Parlava di inquinamento e di danno per il comparto agricolo, ma non ha saputo rispondere ad una mia domanda: perché in altri comuni, dove gli impianti sono gestiti dalle imprese agricole, non si pongono problemi ne di inquinamento ne di danni all’agricoltura?
  • Durante il dibattito ha parlato di investimenti di fondi e capitali esteri sul nostro territorio come male assoluto. Mi pare che non dovremmo prendere a calci chi vuole investire da noi: se questa piccola regoletta economica è cambiata credo se ne sia al corrente solo Grandi.
  • Ed altro ancora, posso assicurare, di una inconsistenza imbarazzante.

Imbarazzante come la lettera che ha dato alle stampe.

Indicando per nome, quasi additando, chi si è permesso di "votare contro alla sua mozione", ha stilato la sua "lista di proscrizione" a mo’ di tribuno del popolo, candidandosi a cappeggiare e a cavalcare lo scontento di chi non si sa. Per inciso, non tutto il mondo agricolo è ostile in materia.

Quelle righe, scritte male e un po’ sgrammaticate, nascondono presunzione, mancanza di democrazia, non rispetto delle Istituzioni e intolleranza del pensiero altrui.

Sicuramente a queste mie considerazioni ci sarà una contro risposta alla quale io non risponderò, ho altro di cui occuparmi.

Leonardo Peverati - Consigliere Comunale di Berra - Gruppo Voce ai Cittadini

 

28.6.12