Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

Serravalle e dintorni...

 LE PROMESSE MANCATE DEL "PORTA A PORTA"
LA RISPOSTA DI AREA A GRILLANDA
- E il commento di Zaghini -

 

Con riferimento alla lettera di Stefano Grillanda pubblicata oggi sul Vostro portale, concordiamo con il consigliere per quanto riguarda il grande merito dei cittadini: i risultati di questi mesi sul porta a porta derivano sicuramente dal loro impegno nel nuovo sistema di raccolta oltre che dalla collaborazione e dal dialogo che si sono instaurati con l'azienda e con il Comune: alcune criticità sono state risolte proprio grazie alla condivisione.


A questo proposito, per entrare nel merito di uno dei problemi sollevati da Grillanda, abbiamo stabilito insieme ai clienti la possibilità di utilizzare, per la consegna della carta, contenitori che sono già nelle loro disponibilità (ad esempio cassette di legno, cesti, bacinelle ecc.): si tratta di una soluzione inizialmente non prevista dal progetto, proposta in seguito dai cittadini proprio in occasione delle assemblee pubbliche e accolta con favore dall'azienda perché semplice, non onerosa e comunque efficace ai fini della qualità e della funzionalità della raccolta.


Per quanto riguarda l'erba e gli scarti verdi, ribadiamo quanto già spiegato in tutti gli incontri: viste le caratteristiche di questo territorio, un servizio generale di raccolta periodica degli sfalci e delle potature è doveroso, ma bisogna tener conto del fatto che le aree verdi private non vengono computate nella fattura TIA, quindi a parità di superficie dell'abitazione, chi ha un giardino (o addirittura un parco), paga come chi vive in condominio. Non sarebbe equo dunque incrementare ulteriormente, a spese di tutta la collettività, un servizio di raccolta utilizzato solo da una parte degli utenti. Riteniamo del resto che una raccolta settimanale di erba e fascine, più due servizi all'anno su chiamata (fino a 30 metri cubi l'uno) siano più che adeguati al soddisfacimento delle esigenze di un'utenza media.


Ricordiamo inoltre che AREA e il comune di Berra stanno avviando le procedure per la realizzazione di un Centro comunale di raccolta nella zona artigianale del paese, che consentirà il conferimento di scarti verdi e di molti altri rifiuti particolari a prescindere dal calendario del porta a porta.


In merito al caso di aumento della TIA di 30-40 euro segnalato nella lettera, è già stato appurato che il cliente in questione ha modificato la sua posizione (si tratta di un aumento di superficie associato a un cambio di destinazione d'uso della sua attività). In realtà a livello territoriale la TIA ha subito incrementi o decrementi per importi inferiori al 2%, dovuti ad aggiustamenti tariffari approvati dall'AATO.


Per concludere, è inevitabile che le decisioni prese nell'ottica dell'interesse pubblico possano talvolta scontentare qualcuno. Tuttavia proprio per la sua natura di azienda fortemente radicata nel territorio, AREA ha sempre mantenuto e continuerà a mantenere rapporti il più possibile diretti con i propri cittadini e con le amministrazioni socie e a fare dell'ascolto e della condivisione i propri punti di forza

Dott.ssa Mirna Schincaglia - Responsabile Comunicazione e Relazioni pubbliche - AREA spa

Il commento del sindaco di Berra Eric Zaghini

"E' sempre la solita storia: Grillanda appartiene a quella (per fortuna limitata) classe politica che trova gradimento nel constatare l'emergere di problemi che riguardano i cittadini. Direi che se li auguri. Ogni problema per lui costituisce una gratificazione. Non perchè intenda risolverlo, ma perchè spera di potersene giovare.
Intanto non ho ancora capito se il fatto che Berra si sia portata al livello delle migliori realtà nazionali in tema di raccolta differenziata, per lui sia importante o no. O che una famiglia su cinque effettui il compostaggio domestico (una su dieci richiedendolo appositamente). Non ho capito se sia soddisfatto del fatto che queste famiglie giovano di uno sconto importante (e che dovrà aumentare) in bolletta.
Ho capito che prova piacere nel vedere l'emergere di qualche difficoltà per i cittadini e che è gratificato dai problemi dei cittadini. Prendo atto che mentre qualcuno lavora per migliorare il servizio, qualcun'altro auspica l'emergere di sventure".


25/11/2016