Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

Serravalle e dintorni...

TERREMERSE E BERRA SOCCORSO: LA RISPOSTA DI MAURO MALAGUTI A MARCELLA ZAPPATERRA

 


Il Resto del Carlino del 5 maggio 2011

Inutile arrampicarsi sugli specchi, in politica è sempre una questione di scelte e priorità

Bisogna riconoscere alla presidente della provincia Marcella Zappaterra una particolare dote politica, quella di interpretare a suo uso e consumo ciò che dicono gli altri, soprattutto quando costretta ad ‘arrampicandosi sugli specchi’. Ad onor del vero, dato che quando furono assegnati i 600mila euro dalla Provincia a Terremerse lei non c’era forse avrebbe fatto meglio a non intervenire, ma la ringrazio per la possibilità di un ulteriore approfondimento a beneficio di chi è poi importante davvero che comprenda, cioè i cittadini. Il sottoscritto non ha mai detto che «Terremerse nulla ha a che vedere con il ferrarese» la Cooperativa in questione aveva proprietà nel ferrarese, come nel ravennate e nel bolognese, anche perché altrimenti come avrebbe potuto la Provincia assegnarli dei contributi? Ho detto che è singolare che la cooperativa che abbia avuto dalla Provincia di Ferrara la maggior entità di contributi, nell’arco dei 10 anni presi in esame, abbia sede legale a Bagnacavallo (RA) e non a Ferrara. Certamente una coincidenza, come quella che a presiederla era il fratello del presidente della Regione da cui ha ottenuto altri 2milioni di euro. Sicuramente poi i contributi gli sono stati dati sulla base di regolamenti comunitari e leggi regionali ma restano dati proprio dalla Provincia di Ferrara. Faccio un esempio: Sulla Legge 28/1998 (Promozione dei servizi di sviluppo al sistema agro-alimentare) tra il 2005 e il 2007 la provincia di Ferrara ha erogato sotto la voce ‘Assistenza produzioni vegetali’ circa 136.800 euro e la regione, nello stesso periodo e sempre sulla stessa legge, ha erogato sotto la voce ‘Programmazione acquisizioni beni e servizi’ circa 313.000 euro. Dunque, cara presidente, se non si sa cosa dire, cerchiamo almeno di non offrire risposte che potrebbero anche passare come un insulto verso l’intelligenza dei cittadini.

Al simpatico sindaco di Berra, che cita Troisi e imita la Zappaterra nelle interpretazioni a proprio uso e consumo, voglio assicurare che il discorso delcoadiuvare il 118’ era stato fatto nel senso che su codici bianchi, e in una popolazione di anziani, una ambulanza di una associazione privata poteva magari talvolta anche sgravare il 118, considerando poi che vi è vicino una Casa di Riposo per anziani con un centinaio di ospiti e che Berra dista circa 24Km dall’Ospedale di Copparo con un Primo soccorso, 36Km dall’Ospedale di Valle Oppio, 32Km da quello di Adria, 37 da Santa Maria Maddalena e 36 dal Polo di Cona quando sarà ultimato, e che quindi è praticamente equidistante, e lontana, da tutte le vicine strutture ospedaliere.

Sappia poi il signor sindaco che in passato la regione di mezzi di soccorso e protezione civile ne ha fatti avere proprio molti, e se non crede a me lo chieda al suo collega di partito, nonché sottosegretario in regione, Alfredo Bertelli, magari con bandi ad hoc. E nessuno ‘tira per la giacchetta’ le associazioni, la realtà, piuttosto, è che nel nostro territorio dopo tanti ‘njet’ le associazioni provano a rivolgersi anche all’opposizione. Comunque, altra coincidenza, dopo le mie pressanti insistenze in regione lei, caro sindaco, si è dato da fare per far approvare la convenzione comunale. Il problema è che in politica è sempre una questione di scelte a cui dare la priorità, per tutto il resto ha ragione: «Sono solo chiacchiere».

Mauro Malaguti – Consigliere regionale Pdl.


5.5.11