Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

Serravalle e dintorni...

INTERVENTI

INTERVENTI

 

Berra: Terza fiera mondiale della zanzara

A BERRA (FE) IL 14 - 15 - 16 - 17  AGOSTO 2004 SI TERRA' LA TERZA FIERA MONDIALE DELLA ZANZARA E I ZANZASAPORI. LA MANIFESTAZIONE VIVRA' MOMENTI DIVERSI:      CULTURALI : MOSTRA SULLA ZANZARA  ( ZANZARATOTECA, ZANZASCIENZA, ZANZABIOLOGIA, ZANZARTISTI, STAI LONTANA DA ME )       LUDICI :GIOCHI LEGATI ALLA ZANZARA ( FAMM VEDAR LA TAVRA -FAMMI VEDERE IL POMFO -, PIU' GRATTI PIU' VINCI, ZANZAQUIZ, SEXITAVRA - IL POMFO SEXI...)       GASTRONOMICI : ZANZASAPORI - SAPORI LEGATI  ALL'HABITAT DELLA ZANZARA ( ZANZINI, ZANZICCE, ZANZOMBRE, ZANZALAME, ZANZETTA, ZANZALACCI,ZANZUCCHELLE,ZANZAGALLI, ECC.) LA MOSTRA AL COPERTO -SCUOLE ELEMENTARI - SU UNA SUPERFICIE DI 300 MT. RESTERA' APERTA NEI GIORNI FERIALI DALLE ORE 16 ALLE ORE 24,NEI GIORNI FESTIVI DALLE ORE 9 ALLE ORE 24 CON INGRESSO GRATUITO. I ZANZASAPORI SI POTRANNO APPREZZARE PRESSO I RISTORANTI "IL RITROVO DEGLI AMICI" E "IL DON GIOVANNI" TUTTI I GIORNI LA DOMENICA 15 CON DEGUATAZIONE POPOLARE PRESSO IL CENTRO SOCIALE LA COLOMBA DALLE ORE 12 FINO A SERA INOLTRATA. I GIOCHI TUTTE LE SERE DALLE ORE 21 ALLE ORE 24. NEI GIORNI DI FIERA SARANNO PRESENTI LUNA PARK,SPETTACOLI MUSICALI E BANCHERELLE DI  PRODOTTI VARI. QUESTA FIERA E' STATA ORGANIZZATA PER VOLORIZZARE UN PRODOTTO DI CUI SIAMO RICCHI ( ZANZARA ) E RISCOPRIRE ANTICHI SAPORI - ALCUNI OGGI DIMENTICATI - CHE LE NOSTRE NONNE UTILIZZAVANO PER ARRICCHIRE LE POVERE TAVOLE DEI NOSTRI NONNI ALLA FINE DI GIORNI PIENI DI SUDORE E FATICA.   RECAPITI 0532 831232                   MAURO TUMIATI          ROBERTO  ARIUTTI 348 2320260 ariutti53@libero.it www.acsberra.it 111 RISTORANTI       "IL RITROVO DEGLI AMICI" TEL.0532 - 832827                               "IL DON GIOVANNI"  TEL 0532 - 831128

(30.7.04)

Berra: 2.a Sagra Mondiale del Bruscandolo

GENTILISSIMA REDAZIONE,  
                                           NOI SOTTOSCRITTI ROBERTO ARIUTTI ( MEDICO DI FAMIGLIA ) E MAURO TUMIATI (PRESIDENTE DELL'ASSOCIAZIONE CULTURA E SPETTACOLO BERRESE ) HANNO IL PIACERE DI ORGANIZZARE A BERRA (FERRARA ) LA SECONDA SAGRA MONDIALE DEL BRUSCANDOLO.
BERRA E' UN PAESE DEL BASSO FERRARESE GIA' SEDE DELLA FIERA MONDIALE DELLA ZANZARA E DELLA SAGRA DEGLI OSSI DEL MAIALE CHE NEL 2003 HANNO AVUTO DIVERSI RISCONTRI TRA I MASS MEDIA. IL BRUSCANDOLO E' IL NOME DIALETTALE BERRESE CHE IDENTIFICA IL GERMOGLIO PRIMAVERILE DEL LUPPOLO (LA PIANTA LE CUI INFLORESCENZE VENGONO USATE PER AROMATIZZARE LA BIRRA) E VENIVA UTILIZZATO IN TEMPI NON MOLTO LONTANI DAI NOSTRI NONNI  COME ADIUVANTE AI POVERI PASTI PRIMAVERILI. NOI ABBIAMO PENSATO DI RISCOPRIRLO E RIPROPORLO  PER VALORIZZARE LE NOSTRE TRADIZIONI E I SAPORI GENUINI DI UN TEMPO. QUEST'ANNO SI SVOLGERA' UNA KERMESSE GASTRONOMICA CHE OLTRE A COINVOLGERE LA NOSTRE ARZDORE (CASALINGHE ) VEDRA' LA PRESENZA DI ALCUNE SCUOLE ALBERGHIERE CHE SI CIMENTERANNO IN UNA SFILATA GASTRONOMICA NELLE SERATE DEL 6.7.8.9 MAGGIO 2004. IN OGNUNA DI QUESTE SERATE UN'APPOSITA GIURIA SCEGLIERA' IL PIATTO VINCITORE A CUI VERRA ASSEGNATO "IL BRUSCANDOLO D'ORO ". NEI GIORNI DI FESTA IL RISTORANTE "IL RITROVO DEGLI AMICI" HA IL PIACERE DI OSPITARVI PER CONVOLGERVI NELL'EBBREZZA DEL BRUSCANDOLO MENTRE NEL GIORNO DI DOMENICA 9 MAGGIO 2004 IL CENTRO SOCIALE "LA COLOMBA" VI FARA' DEGUSTARE ALCUNE PRELIBATEZZE CON IL PREZIOSO GERMOGLIO . NEL RINGRAZIARVI PER LA CORTESE ATTENZIONE  COGLIAMO L'OCCASIONE PER INVITARVI ALLA SECONDA SAGRA MONDIALE DEL BRUSCANDOLO                                               CON OSSEQUI
               ROBERTO ARIUTTI                                     MAURO  TUMIATI  
RECAPITI: 348 2320260 0532 831232
"IL RITROVO DEGLI AMICI" TEL.0532 832827
WWW.ACSBERRA.IT

(14.4.04)

Villa Giglioli: un degrado da evitare/2

Dopo tanto tempo si pensa a Villa Giglioli? strano tutti gli abitanti di Serravalle un tempo la freguentavano! grazie ALESSANDRO: Villa Giglioli è parte della mia gioventù specialmente la chiesetta un tempo io e GIOVANNI R andavamo alla domenica a fare i chiericchetti. ciao battiti
ROMANO CLIMELLI 

(9.4.04)

Villa Giglioli: un degrado da evitare

Fa piacere che la tragica (ma è dir poco...) situazione di degrado strutturale in cui versa l'oratorio dedicato alla Madonna Assunta presso la Villa Giglioli venga posta all'attenzione di quanti amano Serravalle e la sua storia. Certo, qualcosa bisogna pur fare e credo che una forte mobilitazione dell'opinione pubblica possa contribuire almeno a smuovere in fretta gli interventi degli organi istituzionali preposti alla tutela del patrimonio storico e artistico. A dire il vero, il degrado e l'abbandono partono da lontano. Già ai tempi delle mie ricerche tese alla pubblicazione del libro sulla storia del nostro paese avevo notato che la chiesetta versava in uno stato di abbandono. Gli eredi della contessa Giglioli forse non avevano i mezzi per un intervento di restauro. Non so. Ma di sicuro lo spettacolo che si presenta oggi agli occhi di chi entra in quel fabbricato induce a meditare: possibile che ciò possa accadere proprio in un'epoca in cui tutti parlano di valorizzazione del patrimonio storico, architettonico, ambientale? E in particolare quando quel patrimonio può diventare volano per iniziative di valorizzazione ambientale e turistica?
Non conosco i risvolti e i particolari della concessione fatta dagli eredi Giglioli a chi aveva o ha tante idee. Di sicuro tutto sarà stato fatto in regola, ma quel luogo così ridotto è testimonianza certa che qualcosa non ha funzionato. Oratorio, villa, fabbricati annessi e spazio tutt'attorno sono una fetta della nostra storia, una fetta non marginale. Ai politici che attualmente amministrano il nostro Comune va chiesto un intervento forte perché si adoperino nei modi previsti dalla legge a tutela di quel poco che ancora resta del nostro passato, come uno dei veicoli di riconoscimento culturale della nostra identità, e come strumento di valorizzazione storica, sociale e ambientale della comunità.
Giovanni Raminelli

(7.4.04)