Serravalle e dintorni...REFE


BERRA, RITORNO A CASA DI FLAVIO VALLESELLA DOPO I SUCCESSI A BERLINO DEL TIRO A SEGNO CON L'ARCO
 


VALESELLA OSSERVA ATTENTAMENTE LULTIMO TIRO DI MARCELLA, QUELLO CHE GLI È VALSO LA QUALIFICAZIONE ALLE FINALI MONDIALI
Berra. È un rientro da Berlino molto felice quello di Flavio Valesella, Responsabile Tecnico della Nazionale Italiana tiro con l’arco sezione Compound. Dopo l'ultima tappa della Coppa del Mondo la sua soddisfazione la si legge negli occhi; lo abbiamo raggiunto nella sua casa di Berra, dove abita da qualche anno, e ci ha spiegato il motivo. 

"Questa ultima tappa ci ha regalato una sorpresa inaspettata ma sperata. La Ferrarese, di Lagosanto, Marcella Tonioli è riuscita a qualificarsi per la Finale Mondiale: con bravura e volontà ha scalato la classifica arrivando ottava, ultimo posto disponibile per la finale".

Qualificazione molto sofferta? "È stata l'ultima freccia quella decisiva. Ma Marcella non ha mai mollato e quindi penso che questa finale se la sia meritata tutta".

E per il settore maschile. "Bella prestazione anche di Sergio Pagni, ma si è fermato al decimo posto". Ora si pensa alle finali: pronostico? "È difficile fare pronostici però Marcella può dire la sua. Si riparte da zero e quindi tutto può succedere".

Ora un po' di relax a Berra. "Sicuramente. Proseguo la mia attività sportiva qui. Faccio le mie prove e penso ai prossimi programmi. A Ferrara sto provando a fare qualcosa per incrementare le presenze di arcieri anche se gli ostacoli non mancano". Ad esempio? "Abbiamo il campo di gara all'interno del parco urbano con molti vincoli  da rispettare e quindi alcune cose non sono fattibili. Comunque non mi do per vinto e sicuramente qualche cosa si farà".

Ma Valesella pensa anche al suo paese, Berra appunto. "Qui va tutto bene nel senso che ad ogni iniziativa i cittadini sono presenti, segno evidente che questo sport piace. All'inizio del prossimo anno organizziamo una tappa per le qualificazione ai campionati nazionali indoor. E poi continuo a lavorare  con gli arcieri locali: ce ne sono di bravi, soprattutto tra i giovani. Difficile dire ora dove arriveranno però la partenza è buona".

E nelle scuole? "Mi ha letto nel pensiero? Per ora solo nel pensiero. Devo valutare bene poi sicuramente faremo qualcosa anche nelle scuole, disponibilità permettendo".

(d.m.b.)


29.7.18