Serravalle e dintorni...

BERRA, FUSIONE DEI COMUNI DI BERRA E RO FERRARESE: TUTTO PRONTO PER IL REFERENDUM DEL 7 OTTOBRE 2018
- ULTIMI SUSSULTI "ELETTORALI" -

 

 
Berra. Il prossimo 7 ottobre gli elettori dei comuni di Ro e Berra saranno chiamati alle urne per il Referendum Consultivo e quindi non vincolante sulla fusione dei due comuni.

Da qui si deduce che l'ultima parola, anche in caso di vittoria di uno dei due fronti, aspetta agli amministratori locali, che però mai e poi mai si permetteranno di ribaltare il voto popolare, e alla regione. È giusto però ricordate che questa situazione si è già verificata, con il ribaltamento da parte di alcune Giunte, dopo motivate spiegazioni.

Ma andiamo per ordine. Da tempo il Comitato per il SI è al lavoro, con incontri pubblici, per spiegare ai cittadini il perché della fusione e le motivazioni.

L'ultimo incontro previsto a Berra è stato rinviato a lunedì 2 luglio alle ore 21 presso il centro civico a Berra. Ma il Comitato per il Si  guarda già avanti e pensa ai futuri incontri: con alcuni esponenti di comuni ferraresi che già sono arrivati alla fusione, per cercare di capirne di più. O addirittura con rappresentanti della Regione, che seguono la fusione.

A questo punto dovrebbe essere l’ex presidente della provincia e consigliere regionale Marcella Zappaterra, nominata a seguire da vicino la fusione in questione. Ma in questo caso la cosa diventerebbe ancor più politicizzata: quattro ex sindaci Pd affiancati da un componente del Pd.

“Più politica di così si muore – è il commento dei scettici – non dite che è un referendum”.

Ma anche il comitato per il Si ci va cauto: quando il tutto si butta in politica le cose possono peggiorare notevolmente e la storia recente lo insegna. Nel frattempo però si aspetta che anche il NO si faccia avanti, qualcuno che formi un Comitato, per avere così un confronto sulle motivazioni di questo referendum.

(d.m.b.)


29.6.18