Serravalle e dintorni...

 

BERRA SOCCORSO ONLUS INVITA I CITTADINI A SOSTENERLA
 

 


 
Berra. "Se ognuno fa qualcosa allora si può fare molto". È con questa frase, di don Pino Puglisi, meglio conosciuto come Padre Pino Puglisi o 3P, un presbitero italiano, ucciso da Cosa nostra il giorno del suo 56º compleanno, che quest'anno l'associazione di volontariato Berra Soccorso onlus si è presentata ai cittadini del comune di Berra, con una lettera portata a tutte le famiglie e dice: "Per poterVi relazionare in breve quanto fatto dall'Associazione nel corso del 2017. Sono state trasportate 1161 persone con auto e ambulanze per un totale di 96.500 chilometri percorsi, coinvolgendo 1509 volontari, ai quali va il nostro più sentito ringraziamento per l'impegno dimostrato: visite specialistiche, dimissioni e ricoveri ospedalieri, spostamenti di vario tipo di persone disabili o non autosufficienti presso presidi della provincia e non solo. Abbiamo sostituito due automezzi con due Doblò attrezzati di ottima generazione per trasporto in carrozzina".

Poi l'appello del presidente Renato Chiavieri, a nome del direttivo: "La nostra cittadinanza diventa sempre più anziana e ci chiede sempre più servizi e per poterli soddisfare, abbiamo bisogno di nuovi Volontari". A tal proposito basta andare sul sito dell'associazione www.berrasoccorso.org per capire come fare per aderire come volontario.

La lettera conclude con i saluti augurali: "Colgo l'occasione per porgere i migliori auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo".

Nata alla fine del 2008 l'Associazione "Berra Soccorso Onlus" è andata sempre crescendo. All’inizio del 2009 Berra Soccorso ha cominciato ad operare in forma organica e ben organizzata, usufruendo di mezzi in comodato d’uso da altra associazione, con cui ha collaborato dal 2005.

La necessità, quasi l’impellenza di fondare l’Associazione trova le sue motivazioni principali sulla lontananza del comune di Berra dalle strutture sanitarie e presidi ospedalieri, l’assoluta inadeguatezza dei servizi pubblici, nella presenza a Serravalle di una casa di riposo, senza dimenticare il numero crescente di persone bisognose, anziane e non, con invalidità di vario tipo.

Per entrare nel dettaglio i Volontari si preoccupano di accompagnare ed anche assistere, qualora ce ne fosse bisogno, per prelievi, visite specialistiche, medicazioni, indagini diagnostiche ed inoltre si incaricano di ricoveri ospedalieri, dimissioni e trasferimenti su tutto il territorio regionale e nazionale. Naturalmente l’Associazione è disponibile a soddisfare qualsiasi richiesta di aiuto che pervenga da Pubblica Amministrazione o privato cittadino che necessiti dell’opera dei Volontari a cui va sempre un ringraziamento.

(d.m.b.)


15.12.17