Serravalle e dintorni...

 

BERRA E RO VERSO LA FUSIONE AMMINISTRATIVA
 

 

L'articolo della Nuova Ferrara
Berra. Berra e Ro si fonderanno in un unico Ente, cosa già richiesta più volte dal Leghista e oppositore del consiglio comunale di Berra Stefano Bigoni, che commenta: ”Finalmente la nostra voce è stata ascoltata. Lo abbiamo chiesto con insistenza da tempo perché crediamo che questo possa essere l’unico modo per poter portare nel nostro territorio un po’ di risorse, che ne abbiamo molto bisogno.

In questi ultimi tempi stiamo assistendo ad un declino pericoloso del nostro territorio ma dal quale possiamo ancora riprenderci. Continuare a rimanere legati a Copparo sarebbe stato deleterio per noi, ma anche per Ro: avremmo fatto la fine delle frazione del comune copparese.

Finalmente dopo l’ultimo consiglio comunale, nel quale avevo ribadito che questo passo si doveva fare e subito, si parte. In questi giorni sono stato contattato dal sindaco che appunto mi annunciava che si poteva partire e su questo avranno tutto il nostro appoggio”.

Ma per quanto riguarda gli investimenti Bigoni precisa: ”Per Berra e Ro dovrebbero arrivare dallo stato un contributo di 1milione di euro e 300.000 euro dalla Regione: 1,3 milioni di euro l'anno per dieci anni.

Una risorsa alla quale non si poteva rinunciare, visto che i nostri governi locali, che si sono succeduti negli anni, si sono fatti scappare molti contributi: non si poteva fallire ancora una volta. Noi abbiamo una veduta completamente diversa da chi ci governa; investire male questi soldi vorrebbe dire fare un passo indietro e non è quello che noi vogliamo.

Dobbiamo fare investimenti per creare posti di lavoro: il nostro territorio deve ritornare appetibile affinché la gente non vada altrove ma fare in modo che siano gli altri a venire da noi. Siamo una territorio a vocazione agricola ma siamo anche rivieraschi del Po e quindi dobbiamo creare anche turismo.

Abbiamo anche realtà di piccole imprese che vanno aiutate, altrimenti rischiano di evadere dal nostro territorio o addirittura morire: dobbiamo fermare tutto questo e questa è sicuramente l’occasione giusta. Sono anni che questo centrosinistra ci governa, facendo scelte sbagliate, che sono visibili a tutti, ci sta facendo regredire.

Non vogliamo che anche questa volta si facciano gli stessi errori e confidiamo sui cittadini, perché facciano la scelta giusta, affinché questi contributi vengano investiti per qualcosa di buono e utile per il nostro territorio".  

(b.m.d.) 


8.10.17                  Contatore visite