Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

 

Serravalle e dintorni...


BERRA, IL SINDACO ZAGHINI INCONTRA  DON LEONARDO BACELLE PER LA CHIUSURA DELLA SCUOLA MATERNA PARROCCHIALE
- VENERDI'  20 GENNAIO 2017 -
 


La scuola materna parrocchiale

Berra (dall'inviato Luciano Cicoria). Sulla nota vicenda dell'annunciata chiusura della scuola dell'infanzia paritaria di Berra, attualmente gestita dalla parrocchia, venerdì mattina si è tenuto un incontro tra il parroco don Leonardo Bacelle e l'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Eric Zaghini.

"Un incontro pacato, condiviso e costruttivo - sono state le prime parole del sindaco all'uscita dall'incontro - abbiamo appurato che ci sono i mezzi e le possibilità per mantenere attiva la scuola dell'infanzia a Berra. Una soluzione che ci pare buona ma che dobbiamo condividere con i genitori, che incontreremo lunedì prossimo.

Naturalmente per arrivare ad una soluzione dobbiamo avere il loro consenso e supporto, situazioni indispensabili per poter poi arrivare alla soluzione definitiva. Il nostro obiettivo, come amministrazione comunale, è quello di dare un servizio ai cittadini, in questo caso ai genitori dei bambini, senza danneggiare altre situazioni esistenti ed è quello che abbiamo in mente di fare".

Il sindaco non si sbottona più di tanto su quale potrebbe essere la soluzione finale. È invece  definitivo il fatto che la gestione parrocchiale della scuola, iniziata nel lontano 1911, ha terminato il suo ciclo, senza ripensamenti ma con un pizzico di dispiacere da parte di tutti. Ma da quando è sorta la questione non si parla d'altro e si pensa quale possa essere la soluzione migliore.

A Berra è presente il nido comunale, con uno stabile che accoglie una decina di bambini ma che ha una capacità ricettiva ben più ampia. Le utenze sono comunque presenti come pure il personale delle pulizie: basterebbe quindi riattivare i posti non più utilizzati e assumere le insegnanti per arrivare alla soluzione.

La cosa che appare improbabile è quella che la retta, attualmente non esosa, non rimarrà la stessa ma avrà sicuramente un ritocco. Da qui anche l'ipotesi che la cucina interna alla scuola, dismessa da quando il servizio del nido è stato appaltato, possa essere riattivata, per il piacere dei genitori dei bambini che frequentano il nido.

Ma per ora il condizionale è d'obbligo, almeno fino a lunedì. "Sono ottimista - ha concluso il sindaco - perché i presupposti per mantenere vivo il servizio ci sono tutti e ad un costo per tutti non elevato". 

cic 


21.1.17                  Hit Counter