Serravalle e dintorni...

 

BERRA, LA GENTE CHIEDE MAGGIORI CONTROLLI PER CHI SPORCA
 


Un cassonetto Caritas a Berra

Il parchetto di Berra
Berra (dall'inviato Luciano Cicoria). Il post messo su facebook dal vicesindaco di Berra Filippo Barbieri ha mosso le acque e qualche ilarità da parte dei cittadini.

Il vicesindaco si rivolge a chi, usando metodi di mal costume, porta i propri cani a defecare laddove non è consentito: ”L'area verde dietro la palestra di Berra - dice il post - dove molti giovani, soprattutto nel periodo estivo, si ritrovavano per giocare nei campetti da beach o in quello da calcetto, è invece diventata il luogo dove alcuni maleducati, per fortuna pochi, portano i loro cani a fare i propri bisogni, ovviamente senza raccoglierli. Nemmeno i continui richiami hanno fermato queste persone. Ecco allora che laddove non arriva la buona educazione arriveranno le multe. Vediamo se questo servirà ad educare qualcuno”.  

La discussione si è aperta: in molti concordano con le parole del vicesindaco ma altri controbattono, come ad esempio la signora Melissa, che dice: ”Grandissima eresia – in riferimento alle parole del vicesindaco – io frequentavo il posto con il mio cane”. E poi precisa: ”E’ da questa estate che vado dietro la palestra e di deiezioni canine per terra ne ho viste al massimo due, quindi non dite cavolate. Piuttosto – rincara la signora Orlandini – la sporcizia l’ho vista quando i ragazzi andavano a giocare ma non era certo sporcizia derivante da un cane”.

Qualcuno fa notare che quello non è l’unico posto dove si porta a defecare il cane: altro punto di “raccolta” sono i cassonetti per la raccolta dei beni da dare in beneficienza.

Ma c’è chi anche appoggia l’iniziativa di Barbieri, approfittandone per dare qualche consiglio. Ed infine chi ne approfitta per segnalare che la sporcizia in genere è presente ovunque.

Pare quasi che i cittadini chiedano agli amministratori più controlli e più severità per i trasgressori.


11.11.16                  Contatore visite