Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

Serravalle e dintorni...

NOTIZIE DALL'ENTE PALIO

 

LA STORIA E LE ORIGINI DEL PALIO DI SERRAVALLE

 

Il Palio di Serravalle non può vantare le origini che contraddistinguono manifestazioni di altissimo livello quali Siena e Ferrara. Come iniziativa, legata strettamente al Comitato Fiera, organizzatore della sagra dedicata al patrono san Francesco d'Assisi, il Palio nacque nell'estate del 1981da un'idea del Dott. Giovanni Raminelli, dal fattivo interessamento del Comitato Fiera nella persona del suo presidente Sig. Roberto Tarroni e dal sostegno e collaborazione del parroco-abate di Serravalle don Giovanni Camarlinghi. Si decise di organizzare la prima edizione del Palio coinvolgendo adulti e ragazzi in gare di giochi tradizionali dopo aver suddiviso il paese in 4 rioni corrispondenti a zone "storiche": il Rione "Piazza", il Rione "Vdàgna", il Rione "Ariòsta", il Rione "Bassón". Si formo' un gruppo dirigente (Davide Quaglio, segretario; Silvano Bagarin, amministratore) attorno al primo presidente Raminelli e al parroco-abate e al presidente del Comitato Fiera Tarroni. Vennero individuati, in base alle personali disponibilità, i responsabili rionali, gli addetti alle gare e i punti di riferimento organizzativo rionale in quattro bar del paese. La prima edizione riscosse un indubbio successo e rivitalizzò l'intera kermesse del calendario fieristico. Non c'erano costumi tradizionali, non esisteva uno statuto, si lavorava praticamente con tanto entusiasmo ma con le poche risorse riservate al Palio nel bilancio del Comitato Fiera.

Dopo la seconda edizione, fin dai primi mesi del 1983, prese piede l'idea di costituire un vero e proprio Ente autonomo. Si fondò, così, con l'approvazione di un vero e proprio statuto l' "Ente Palio Serravalle", organismo apolitico, apartitico ed aconfessionale, dotato di un proprio bilancio di cui furono chiamati a far parte i membri fondatori e quanti erano intenzionati a rappresentare al meglio i quattro rioni. Si definì in modo appropriato la delimitazione dei confini di ogni rione e si confermarono i colori e le insegne: giallo e rosso per l'Ente Palio, giallo e nero per il rione "Basson", giallo e verde per il rione "Ariosta", giallo e viola, per il rione "Piazza", giallo e azzurro per il rione "Vdagna".Per le dotazioni di costumi, calzature, ornamenti, gonfaloni comincio' la lunga serie di autofinanziamenti basati su offerte della popolazione, raccolte di carta e cartone, contributi dell'Amministrazione Comunale. Tutte le sarte del paese fornirono la piena collaborazione per confezionare i costumi, presentati dal 25 giugno al 3 luglio1983 alla sala Efer di Ferrara, avvenimento, questo, che ha contribuito ad elevare e a qualificare l'Ente Palio, proiettandolo in una dimensione provinciale (grazie pure al gemellaggio con il rione cittadino di Borgo San Giorgio che porta gli stessi colori dell'Ente Palio Serravalle: giallo e rosso). Fra il 1983 e il 1984 furono 97 i costumi confezionati interamente dalle nostre sarte. Nel frattempo si diede inizio all'uscita periodica del giornale "Palio Notizie", contribuendo a cementare e a coagulare attorno al Palio l'interesse dei compaesani.

Dalla terza edizione in poi, il Palio di Serravalle ebbe un suo svolgimento indipendente dalla sagra paesana. Aumento' il numero delle gare tradizionali e si realizzo' una serie di iniziative collaterali atte a legare maggiormente l'Ente Palio alla realta' sociale e culturale del territorio: Inizio', così la "Festa degli Anziani" presso la locale casa di riposo "Dott. A. Capatti", ebbe avvio pure il cosiddetto "Ottobre Culturale" con manifestazioni ed appuntamenti musicali, teatrali, con mostre e dibattiti.

L'Impegno e l'entusiasmo dei collaboratori si concentrarono inoltre attorno ai gruppi degli sbandieratori e dei musici la cui attivita' venne apprezzata non solo dai compaesani ma anche al di fuori della provincia: ebbero modo di esibirsi, infatti, anche in piazze molto prestigiose come Venezia e Milano e ottennero notevoli risultati nelle gare nazionali. Negli ultimi anni l'Ente Palio sta cercando di coltivare l'interesse che già ruota attorno alla manifestazione e se possibile di aumentarlo attraverso nuove iniziative come la "Cena Medievale", allo scopo di coinvolgere attivamente sempre più persone all'interno del paese e non solo. L'Ente Palio Serravalle si rende disponibile a effettuare spettacoli in altri paesi sia con musici e sbandieratori che con figuranti portando sempre con se' l'entusiasmo e la spontaneita' che caratterizza il gruppo.

(Tratto dal sito ufficiale dell'Ente Palio Serravalle)