Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

Serravalle e dintorni...

 

LETTERA APERTA AL SIGNOR DIEGO MARANI
- Quando si parla di ciò che non si conosce... -

 

Illustrissimo Diego Marani,
il
suo goffo tentativo di fare ironia Le è inesorabilmente andato male. Ha cercato, ha annaspato, si è arrampicato sugli specchi, ma l’insuccesso è stato inevitabile. A mio parere per due motivi, strettamente connessi tra di loro. Non si può fare ironia su una cosa che non si conosce (lo ha ammesso anche Lei che ha saputo per caso dell’esistenza del Palio di Serravalle) e quindi, forzando la mano, ha inevitabilmente sprofondato nell’offensivo, chiamando in causa tutti.

La replica è arrivata con la seconda lettera, affermando che noi siamo dei poveri idioti, perché non abbiamo saputo “apprezzare” la Sua ironia. La terza lettera è quella che ci ha tolto ogni dubbio: meglio stare zitti e far credere piuttosto che parlare e confermare; Lei ha scelto di (S)parlare. E non scomodi Folco Quilici per tentare di recuperare la Sua posizione che tanto non serve. Come pure non serve dare colpe a Berlusconi, che tante ne ha, sicuramente, ma certo non quella di aver attirato su di Lei le ire dei cittadini di Serravalle e Copparo: sono state semplicemente le sue parole a creare zizzania. E se il sindaco si è scomodato non lo ha fatto per nulla ma perché anche Lui, come tutti noi, ha recepito che in quelle parole c’era l’offesa. Avrebbe fatto più bella figura se nella seconda goffa lettera avesse chiesto scusa a tutti e fatto ammenda.

E se poi Serravalle, Copparo, Portomaggiore, Ariano, ed altri hanno il loro Palio, pur non avendo tradizioni storiche, non è necessario offendere quelle persone che tanto impegno e devozione dedicano per questi importanti eventi. E devo dirle che indirettamente ho letto in maniera negativa anche il riferimento alla Fiera Mondiale della Zanzara: perché tanto quelli più di tanto non si meritano. Insomma un tripudio di offese che, solo per educazione degli interlocutori, me compreso (e chissà quanti altri) non le sono rimbalzate indietro.

Moreno Brugnati


25/11/2016