Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

Serravalle e dintorni...

 

SAN BASILIO

 

Il Centro Turistico Culturale San Basilio che accoglie alcuni dei reperti ritrovati durante gli scavi archeologici effettuati a San Basilio tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli '80. I ritrovamenti testimoniano di una storia durata quasi di 2000 anni.

Orario invernale: sabato e domenica ore 10 - 12 / 14.30 - 17 Orario estivo (ora legale) : giovedì e venerdi ore 15.00 - 18,30 Sabato e domenica 10-12 / 15-18,30 - gli altri giorni su prenotazione al numero 0426-71200.

L'antica colonna. All'interno della chiesina di San Basilio è custodita un'antica colonna in marmo che sembra fosse dotata di poteri taumaturgici. Pare che la colonna trasudasse una sostanza oleosa che aveva il potere di ridonare il latte alle purpere. La prima notizia della colonna è contenuta in un documento del 1635. I suoi "poteri" ebbero termine nel 1745.

L'interno del Centro Culturale

L'originaria chiesa di San Basilio fu costruita intorno al IX-X secolo d.C. sopra una duna sabbiosa fossile. I numerosi ritrovamenti archeologici della zona testimoniano, però, che la zona di San Basilio è abitata almeno dal 346 d.C. Di quell'epoca sono infatti numerose monete romane.

Centro importante situato in posizione strategica sull'antica via Poppilia, San Basilio ha visto invasioni di tutti i tipi: greci, etruschi, romani, barbari, francesi eccetera. Oggi è una piccola frazione del Comune di Ariano Polesine (Ro) a circa 13 chilometri da Serravalle.

Una panoramica di San Basilio ripresa dall'argine del Po.

La rovra. La rovere (Quercus Robur) è l'ultimo esemplare dei querceti che fornivano materiale per la concia delle pelli. Tale attività era piuttosto florida per Ariano Polesine intorno al 1560. Le pelli arrivavano dalla Schiavonia, da Zara e da Cervia. La "rovra" è ricordata in un documento del 22 novembre 1548. Era anche considerata un punto di riferimento per le carte militari. E' tuttora vivente anche se richiede parecchie cure. Tuttavia, nonostante i suoi oltre 450 anni, non è ancora in pensione. Si trova a circa 2 chilometri dal centro di San Basilio.

Immagini di San Basilio