Home - Album - Avvenimenti - Collabora - Comune di Berra - Cookie Policy - Dintorni - Associazione Palio - Eventi - Guestbook - Immagini - Informazioni - Interventi - LeOpinioni - Links - Misteri e c... - Notizie  - Parrocchia News - Politica Locale - Primo Piano - Storia - Strade - Territorio

 

Serravalle e dintorni...

INTERVENTO DI ZAGHINI SU  SINDACO DI JOLANDA DI SAVOIA E UNIONE

 

Berra. In merito alle recenti notizie sull'Unione, il sindaco di Berra Eric Zaghini, assessore della giunta dell'Unione, ha emesso un comunicato:


«Le recenti polemiche aventi ad oggetto l’Unione dei Comuni Terre e Fiumi, le prese di posizione e le successive repliche non potranno comunque interrompere un percorso ormai segnato, prima dal legislatore nazionale e, ora, da quello regionale. Non solo l’Unione Terre e Fiumi è un percorso irreversibile, ma la spinta ad andare avanti col conferimento di nuovi servizi all’Unione è fortissima e incontrastabile.
Il disegno di legge regionale di riordino territoriale obbligherà, di fatto, I comuni a gestire le proprie funzioni attraverso la costituzione di Unioni di Comuni in tutto il territorio provinciale e, più in generale, emiliano romagnolo. In questi termini, volgendo lo sguardo al passato, la scelta compiuta coraggiosamente dai sei comuni – Berra, Copparo, Ro, Tresigallo, Formignana e Jolanda di Savoia – ormai tre anni or sono appare oggi più che mai lungimirante.

Possiamo oggi affermare di avere saputo comprendere con largo anticipo quale sarebbe stata l’evoluzione del riordino degli Enti Locali scommettendo su di un modello che ora, giocoforza, verrà imitato da tutti. In quest’ottica possiamo tranquillamente affermare di essere tre passi avanti agli altri.
Per questo invito la collega Trombin a considerare quanto di buono sia stato fatto in questi anni e quanto ancora saremo chiamati a fare e a considerare come per i comuni più piccoli – ma non per questo meno importanti – non vi sia altra strada, ora anche per vincolo legislativo, che la gestione dei servizi in Unione; perciò la invito a considerare come non giovi né all’Unione né tantomeno alla Comunità di Jolanda di Savoia una balcanizzazione dei rapporti che ci costringerebbe a vivere la frustrante esperienza di una convivenza forzata.

Riconsideri perciò Le proprie posizioni, e meno ingenerosa nei confronti dei colleghi Rossi e Parisini - che tra l’altro per primi hanno avuto l’onere di guidare l’Unione assumendone la presidenza - anche alla luce delle recenti novità normative. E lavori con noi per IL miglioramento dei servizi esistenti e per IL celere conferimento di quelli ancora gestiti a livello locale».

 

5.12.12